lunedì 21 dicembre 2020

Dal tramonto a mezzanotte prima della sedia elettrica


Ottobre 1943: gli Stati Uniti sono in guerra, ma il sole al tramonto sui campi di cotone della Louisiana è lo stesso di sempre. Sarà l'ultimo per un ragazzo,Willie, appena 18 anni e la pelle nera. La sua guerra non l'ha persa al fronte, ma in casa, forse non l'ha nemmeno combattuta. Lo accusano di aver stuprato una giovane bianca, a mezzanotte lo aspetta la sedia elettrica. Funziona così, al Sud. 

L'ultima notte di Willie Jones di Elizabeth H. Wintrop (edizioni Solferino) potrebbe essere un romanzo sulle sue ultime ore, sui riti che precedono l'esecuzione, su ciò che si agita dentro e su ciò che muore addirittura prima della morte. Sull'ultimo sole, appunto, oppure sull'ultima pioggia che Willie non si ricorda quando è stata e che non ha avuto modo di salutare. 

Ma contrariamente a ogni mia aspettativa, questo è un potente romanzo corale, un mosaico di voci e punti di vista che si affollano in un tempo esiguo, dal tramonto alla mezzanotte appunto.

C'è chi dubita della colpevolezza del ragazzo e chi si mette in marcia per il tribunale smanioso di vederlo "friggere". Chi gli prepara l'ultimo pasto e chi lo vorrebbe appeso a un albero,  per un linciaggio come vuole tradizione. Chi dubita della colpevolezza, chi è alle prese con la sua responsabilità, chi in fondo non fa che fare il suo lavoro, così si dice. C'è un padre che sta penando per trasportare la lapide per il figlio - per procurarsela ha dovuto persino indebitarsi - e c'è l'uomo che invece sta arrivando con la sedia elettrica mobile, la leggendaria e lugubre Gertie, che non è finzione narrativa: su di essa finiranno per morire ben 87 persone, la sua struttura annerita dalle scariche, segnata dalla paura e dagli spasimi dei condannati.

Tutto un mondo in questo libro - lo stesso mondo che credo di aver incontrato nelle pagine di William Faulkner e di Harper Lee. Tutto un mondo e il cuore che si stringe, mentre pagina dopo pagina ci si domanda come andrà a finire una storia che sembra già tutta scritta.

 

 

 

 

Nessun commento:

Posta un commento